votami

sito internet

martedì 18 settembre 2018

LICOLI - post di Luigi Appi - come avviarlo e farlo



Luigi Appi a Licoli - domande e risposte - Luigi Appi
DOC - AVVIARE - FARE IL LICOLI
Per avviare il LICOLI.
.1.) Meglio tenerlo al caldo, la temperatura più giusta è sui 28°c.
Si può tener e anche a T.A. ma i tempi diventano indefiniti.
Il vaso coperto con un pezzetto di garza, no pellicola, i batteri si trovano nell'aria non nella pellicola.
.2.) Per partire, se è possibile, meglio usare una farina più integrale, se non c'è va bene anche una 00 e 0, eventualmente se disponibile una puntina di miele però non pastorizzato, non quello del supermercato, quindi un miele di produzione locale.
.3.) In un vaso da circa 1/2kg, va bene anche un po' più grande, mettere 40gr di farina + 40gr di acqua + il miele, mescolare bene, mettere al caldo come indicato al punto (1).
.4.) per i primi 2 giorni, ogni 6 ore controllare il LICOLI e sforchettare bene, l'ossigeno è molto gradito ai batteri e lieviti e favorisce la loro replicazione e moltiplicazione.
.5.) dopo 12-24-36-48 ore dovrebbero comparire le prime bolle. Se non succede buttare tutto e ricominciare.
.6.) quando le bolle diventano abbastanza, scegli un'ora per te comoda, in modo da fare 2 volte al giorno, ogni 12 ore, il rinfresco.
.7.) All'ora prescelta per il rinfresco,
AGGIUNGERE senza togliere nulla
20gr di farina + 20gr di acqua
Al momento dell'aggiunta se ci sono poche bolle mettere 1 cucchiaino di zucchero o miele.
Per la farina meglio usare una 00 o 0 non serve la manitoba, basta una farina normale.
.8.) Dopo l'aggiunta rimettere il barattolo al caldo e attendere 12 ore.
.9.) Trascorse le 12 ore controllare:
.A.) se ci sono abbastanza bolle, ripetere l'aggiunta come al punto (7).
.B.) se le bolle sono poche attendere altre 12 ore.
.10.) la produzione di bolle è fondamentale per decidere se fare o meno l'aggiunta.
.11.) continuare per 3-4-5 giorni, se il LICOLI diventa molto attivo le aggiunte si possono fare ogni 8 ore.
.12.) quando il vaso diventa troppo pieno, togliere una parte del LICOLI.
.13.) quando il LICOLI diventa molto attivo e fa molte bolle in meno di 8 ore, è il momento di passare ai rinfreschi completi, quindi nel barattolo si toglie tutto il LICOLI e si lasciano 30gr ai quali si aggiunge 30gr di acqua tiepida e 30gr di farina.
Contemporaneamente si incomincia a fare i rinfreschi al collasso ogni 6-5-4 ore.
.14.) quando il LICOLI assume un buon profumo di yogurt e collassa in 4 ore si può mettere in frigo, comunque non prima di 10 giorni dall'avvio.
.15.) meglio usare sempre lo stesso barattolo, non occorre lavarlo, è sempre e solo acqua e farina non è sporco.
.16.) Volendo, se te la senti, puoi avviare 2 vasetti contemporaneamente, così se uno fallisce c'è il secondo pronto da portare avanti senza dover ricominciare dall'inizio.
NOTA
Se il LICOLI diventa acido, buon segno, sparirà con i successivi rinfreschi, non c'è da preoccuparsi.

martedì 11 settembre 2018

Nuova torta di mele


Ricetta trovata in internet, l'ho fatta mia apportando qualche variazione! Golosissimaaaaa

Ingredienti

4 mele delicius
4 uova
200 gr. di zucchero di canna
200 gr.  di farina di kamut o della buona farina 00
250 gr. di mascarpone
2 cucchiaini di cannella in polvere
succo di limone
zucchero a velo
una bustina di lievito per dolci
mezzo cucchiaino di sale fino

Rompere nella ciotola del  Kenwoud le 4 uova, aggiungervi lo zucchero e un cucchiaino di cannella in polvere, azionare la macchina, dopo qualche minuto versarvi poco alla volta la farina setacciata con il lievito e poi il mascarpone. Azionare ancora il kenwoud e poi aggiungervi 2 mele mondate, tagliate a piccoli pezzi, mescolare ora delicatamente con un cucchiaio e versare il tutto in un tegame tondo con sotto della carta forno, livellare con la spatola e posarvi sopra a raggiera le altre 2 mele mondate (chiaramente intendo anche sbucciate e private dei torsoli) e tagliate a fettine sottili. Spolverare con dell'altro zucchero di canna con un cucchiaino di cannella ed infornare a 180° per 35/40 minuti.
Una volta cotta spolverare di zucchero a velo e servire, oppure massima libidine.....con un poco di gelato alla vaniglia. Buonaaaaaa






lunedì 27 agosto 2018

Ciambella soffice al Kefir

Questa ciambella è molto buona e neanche troppo dolce, quindi abbastanza dietetica, ed è indicata per colazione o per merenda.
La ricetta io l'ho trovata nel sito della Kefir Italia, l'ho resa mia facendone qualche piccola modifica....

Ingredienti

300 gr. di farina 00
200 gr. di farina di Kamut
100 gr. di zucchero grezzo
100 ml. di latte
125 gr. di Kefir o 125 gr. di yogurt greco
80 gr. di olio di semi di mais o di girasole
1 uovo
la scorza grattugiata di un limone
15 gr. di lievito di birra
zucchero a velo per decorare

Sciogliere il lievito nel latte tiepido, versarlo in una ciotola ed aggiungervi poco alla volta e sempre mescolando il Kefir, poi lo zucchero, poi l'olio, poi l'uovo, la scorza grattugiata del limone, e mescolare bene, poi unirvi sempre poco alla volta la farina precedentemente setacciata, fare l'impasto e quando sarà pronto farlo lievitare per due ore coperto con una salvietta e in un luogo riparato da correnti d'aria.
Trascorso il tempo necessario e l'impasto nel frattempo sarà raddoppiato di volume, dividerlo in 7 pezzi da 125 gr.  ciascuno, farne delle sfere e disporle in una teglia da forno di 22 cm. di diametro, imburrata e infarinata e lasciare riposare ancora per 30 minuti, poi infornare a 180° per 35 minuti circa.
Una volta sfornata, spennellare la superficie del dolce con acqua e quando si sarà raffreddato spolverarlo con dello zucchero a velo.

P.S. Se si vuole fare una laidata con la siringa per dolci farcirla con crema pasticcera o con la nutella o con la confettura.....


L'immagine può contenere: cibo


sabato 11 agosto 2018

Torta dolce alla pesca al Kefir

Ingredienti

180 gr. di zucchero
2 vasetti di yogurt di Kefir 150/180 gr. circa
280 gr. di farina 00
90 ml. di olio di mais
una bustina di lievito per dolci
un  cucchiaino di sale
3 uova medie
2 pesche
un cucchiaio di zucchero grezzo



In una ciotola mettere lo yogurt Kefir con lo zucchero e sbatterlo con la frustina, aggiungere la farina setacciata con il lievito, sempre poco alla volta e continuando a lavorarla velocemente con la frusta, unire poi  90 ml. di olio di semi, 3 uova medie, il sale e fare amalgamare bene il tutto.
Ungere di olio di semi un tegame da forno, versarvi il composto preparato, le pesche lavate, sbucciate e tagliate a fettine, una spolverata di zucchero grezzo e si inforna forno caldo 180° per 45 minuti circa.







martedì 7 agosto 2018

Il Kefir notizie di aggiornamento



Il Kefir è un probiotico e è ricco di vit. B, vit. K, sali minerali, ed è originario del Caukaso. Il Kefir se non sbaglio è un fungo e in turco Kefir significa benessere. E' un alimento INDICATO per le persone intolleranti al LATTOSIO, perchè è ricco di Beta-galattosidasi (lattasi), ed è povero di lattosio, dato che la fermentazione ne idrolizza circa il trenta per cento.
E' indicato per chi si sente privo  di energie, o a seguito di un trattamento antibiotico, o per gli anziani, o per i bimbi.
Non prevede zuccheri aggiunti e può essere consumato anche dai diabetici. Stimola anche la produzione degli anticorpi, riequilibra la flora batterica intestinale.
Aiuta ad eliminare il colestrerolo dannoso nel sangue.

Per preparare il Kefir di latte occorrono come inizio 17 gr. di grani di Kefir e 250 ml di latte fresco, poi, coprire il capace barattolo di vetro con una garza o con un tovagliolo e riporlo in un luogo riparato da fonti sia di freddo che di caldo e da troppa luce e lasciarlo riposare per 24 ore o 48 ore in base ai propri gusti ( - acido o + acido). NON si  deve mai tenere in frigo perche' i grani muoiono, al limite si mettono nel congelatore con un  poco di latte.


Nessun testo alternativo automatico disponibile.




Usare poi un colino a maglie fitte per filtrarlo. Il siero fà molto bene, anche berlo così al naturale, ma io non lo uso, cioè lo uso, ma in seguito per altre cose (come per fare il primo sale o per fare la ricotta), quindi trascorsi circa 30 minuti di colatura tolgo il siero e lo posiziono altrove e ripongo nuovamente il Kefir (sempre nel colino) sopra il contenitore, dove con una spatola di plastica mescolo con delicatezza per non danneggiare i grani sino a quando non esce più Kefir.

L'immagine può contenere: cibo







Poi peso i grani rimasti, io non li risciacquo per poter mantenere sempre inalterata la flora batterica, li verso nel contenitore di vetro e aggiungo il latte crudo giusto in rapporto alla quantità. Si può procedere anche calcolando da 1 a 7 o anche da 1 a 10 di latte.



L'immagine può contenere: cibo



Nessun testo alternativo automatico disponibile.






Il prodotto ottenuto è un meraviglioso e golosissimo (yogurt) assomi come consistenza a quello greco e una volta fatto si conserva in frigorifero anche per 15 giorni.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.






sabato 4 agosto 2018

Ciambella di pere









Al mattino Mariarosa al
mercato se ne va.
Cose buone compra a iosa
pel pranzetto che farà:
antipasti, frutta, vini
e prodotti Bertolini!
Rincasando sul carretto
pensa al dolce la bambina:
un par d’ova… burro un etto…
latte… zucchero…farina…
ed infine, già dosato,
Bertolini, vanigliato!
Gallinella, Gallinella,
dammi un uovo! – Coccodè.
Te lo dò bambina bella,
però, dimmi, per cos’è?
– Faccio un dolce dei più fini
coi prodotti Bertolini!
Mucca bianca, mi vuoi dare
il tuo latte per la torta?
– Sì, però non lo sciupare…
– Ma che dici! Sono accorta
e non sciupo i miei quattrini:
uso buste Bertolini!
Procurato il necessario
ora impasta Mariarosa;
segue attenta il ricettario
diligente e scrupolosa.
Con ricette Bertolini
san far dolci anche i bambini!
Che fragranza! Che splendore!
Com’è soffice e gustosa!
Si farà di certo onore
con le amiche Mariarosa;
e ringrazia a cuor gioioso
Bertolini, prodigioso!







Montare nel  robot 150 gr. di zucchero a velo con 2 uova, aggiungervi poi 200 gr. di farina 00 setacciata, una bustina di lievito per dolci, un cucchiaino di cannella, un nonnulla di sale, la scorza grattugiata di un'arancia non trattata, un bicchiere piccolo di olio di semi, un bicchiere piccolo di yogurt Kefir oppure di latte e fare amalgamare velocemente con il robot, fermarlo ed aggiungervi un cucchiaio di gocce di cioccolata fondente e mescolare.
Nel frattempo ungere un tegame da forno, versarvi il composto preparato, posizionarvi sopra le fettine di pere, precedentemente mondate e affettate, spolverare il dolce con un cucchiaio di zucchero grezzo, qualche fiocchetto di burro se piace, ed infornare a 180° per 30 minuti.
Questa ricetta è buonissima anche sostituendo le pere con le pesche. Va di per se, per mio gusto, che in questo caso non ci si mette la cannella e le gocce di cioccolato.


L'immagine può contenere: cibo

domenica 29 luglio 2018

Baccalà mantecato alla veneta di nonna Bruna





Per 2 persone
500 gr. di baccalà ben dissalato, spinato e tagliato,in piccoli pezzi
100 gr. di cipolle bianche o gialle
300 gr. di latte
un trito composto da uno spicchio di aglio (privato dell'anima), una manciata di foglie di prezzemolo, 2 filetti di acciuga
un poco di farina 00
olio evo
sale
pepe nero



Fare stufare in una casseruola con 3 cucchiai di olio e uno di acqua le cipolle tritate sottili, quando saranno divenute trasparenti aggiungervi i pezzetti di baccalà passati prima  nella farina, e farli rosolare in tutti i suoi lati, coprirli di latte, dare una macinata di pepe, una spolverata di sale, poco, perchè è  meglio aggiungerlo se occorre alla fine, altrimenti si rischia di farlo salato. Mescolando spesso ma con delicatezza, a fuoco dolce e con il coperchio portarlo a cottura.
Dieci minuti prima di toglierlo dal fuoco unire il trito preparato di aglio, prezzemolo e acciughette.
Prima di togliere dal fuoco, mantecare ancora un poco,controllare di sale e servirlo con dei crostoni di pane casereccio bruscati, o se è  inverno con una bella polenta o con del cuscus.





martedì 24 luglio 2018

Mascarpone casalingo


Mascarpone casalingo



Le dosi per fare il mascarpone casalingo sono molto empiriche. Io ho usato un litro di panna e un grammo di acido citrico sciolto in un bicchierino di acqua.





Ricette fatte con il Kefir di latte

Alcune delle ricette di Kefir Italia

Pizza lievitata con siero di kefir

Ingredienti per la biga:
300 gr di farina 0
150 gr di siero di kefir
Ingredienti per l’impasto:
200 gr di farina 0 (per l’impasto)
100ml di acqua
15 gr di olio
12,5 gr di sale

Preparazione

48 ore prima: La BIGA
Prima di tutto, prepariamo la biga e quindi in una ciotola o nell’ impastatrice lavoriamo la farina con il siero di kefir. Impastiamo per massimo 5 minuti così da ottenere un impasto dalla consistenza grezza. A questo punto mettiamo l’impasto in una ciotola con coperchio e lasciamo lievitare per 24 ore a temperatura ambiente.
24 ore prima: l’IMPASTO
Trascorso il tempo stabilito, prendiamo la biga, aggiungiamo la farina e l’acqua, sempre poco per volta e poi l’olio e il sale.
Lavoriamo fino a quando non otteremo un composto omogeneo e liscio, ricordandoci che la temperatura dell’ impasto deve essere intorno ai 20/24 gradi. Lasciare riposare l’impasto in frigo per un altro giorno.
Finalmente PIZZA time!
Il giorno successivo stendere l’impasto per la pizza in una teglia  e lasciarla riposare per 4 ore, poi farcirla e infornarla.
Buon appetito!!!










Pane di kefir con siero


Questa pane è fatto con kefir, farina integrale e un lievito naturale particolarissimo e molto nutriente: il siero di kefir! Come sempre in questi casi, la lievitazione è piuttosto lunga, si comincia con la biga lasciata lievitare 24 ore e fatta con farina e kefir e poi si procede il giorno successivo con l’impasto vero e proprio a cui si aggiunge il siero al posto dell’acqua. Il risultato è un  pane ottimo con crosta croccante, mollica leggerissima e morbida,  sapore integrale e gustoso …Ecco la ricetta!

Pane di kefir con siero

Ingredienti 
Per la biga:
150 g di kefir di latte
210 g di farina tipo 2 (semintegrale)
Per l’impasto:
biga lievitata
330 ml di siero di kefir (ovvero il liquido che rimane dalla colatura del kefir per ottenerne una crema-formaggio,qui la preparazione)
420 gr di semola di grano duro bio
150 gr di farina tipo 2 semintegrale di grano
1 cucchiaio raso di sale fino integrale
3 cucchiai di olio evo

Preparazione

24 ore prima La BIGA
Impastare il kefir con la farina, fare una palla e metterla a riposare in una ciotola coperta da un canovaccio asciutto nel forno spento o in una madia in legno.
Il giorno successivo L’impasto
Riprendere la biga che ritroverete leggermente lievitata con qualche bollicina e scioglietela meglio che potete nel siero di kefir. Aggiungete il sale, l’olio e un po’ alla volta la semola. Mescolare e lasciare riposare per 30 minuti in modo che l’acqua venga ben assorbita dalla farina.
Riprendere l’impasto e aggungere la farina tipo 2. Impastare a mano, fino ad ottenere una palla liscia. Mettere a lievitare in una ciotola coperta con canovaccio nel solito formo spento o in madia per circa 5-6 ore.
Trascorso questo tempo, riprendere l’impasto, preparare un piano infarinato e versarci sopra l’impasto, stenderlo grossolanamente in forma quadrata e fare le pieghe a portafoglio per ottenere un filone.
Infarinare la forma e riporla a lievitare direttamente sulla placca del forno per altre due ore.
Pane di kefir - Lievitazione
Cottura
Dopo due ore, estrarre la forma, inserire nel forno una ciotolina d’acqua e accenderlo al massimo (260°) statico. Quando è in temperatura infornare. Cuocere per i primi 15 minuti a 240°, più successivi 30-35 minuti a 210°.
Estrarre dal forno e mettere a raffreddare su una griglia. Quando sarà raffreddato conservarlo in un canovaccio.









Torta allo yogurt con kefir


Questa torta allo yogurt, preparata con il kefir, e’ veramente semplice, gli ingredienti si mescolano praticamente tutti insieme, si inforna e in circa mezz’ora sara’ pronta da mangiare.

Ecco la ricetta…

Torta allo yogurt con kefir

Ingredienti: 
125 ml (equivalente di un vasetto) di kefir yogurt
300 gr di farina
3 uova
200 gr zucchero
3 cucchiai di olio di oliva o di semi
1 bustina di lievito per dolci
un po’ di essenza di mandorle o la buccia grattugiata di un limone (a piacimento)
Preparazione:
Versate in un recipiente le uova, il kefir, lo zucchero, l’olio di oliva o di semi se preferite e sbattete fino a che il composto risulta omogeneo. Aggiungete la farina, 1 bustina di lievito e un po’ di essenza di mandorle (o la buccia di limone) e mescolate nuovamente.
Infornate in forno preriscaldato a 180 C per 30 minuti.
Sfornate e buon appetito!
torta allo yogurt di kefir