votami

sito internet

martedì 1 novembre 2016

Le nostre tradizioni del 1 e del 2 novembre

LE NOSTRE TRADIZIONI DEL 1 E 2 NOVEMBRE





"Chi fa i Santi sensa becco fa un Natale meschinetto!"… Cari vecchi proverbi che ci hanno accompagnato per tutta l'esistenza!… allora, all'insegna del "…non è vero ma ci credo" perché rischiare? Nell'anno 1475 un Pontefice ligure, Papa Sisto IV, rese obbligatoria la Festa dei Santi al 1° novembre che divenne presto, nel tepore di quella effimera estate detta proprio "dei Santi", l'occasione per un primo solenne banchetto in attesa delle altre ricorrenze a venire.
Il 1 di novembre il giorno di Tutti i Santi a Genova, la tradizione vuole che si mangi ravioli con il sugo e pollo o gallina (becco).
Invece il 2 di novembre il giorno dei Morti si mangia zemino di ceci e caldarroste.
Alla sera dei Santi alle 20.30 le campane della chiesa suonano a morto, per invitare i fedeli a recitare il rosario, poi si accendono le candele perchè ogni luce accesa è una preghiera per i nostri cari defunti.
Anni fà per il 1 di novembre si usava specie nelle campagne, avere la casa ordinata e pulita a fondo e si rifacevano i letti con lenzuola fresche di bucato; e alla sera tutti attorno alla stufa e mentre gli adulti arrostivano le castagne i bimbi accendevano le candele " gli officeau" di forme diverse, e nel mentre si recitava il rosario.
Prima di andare a letto si lasciava sulla tavola un piatto coperto con dentro del cibo, una brocca di acqua con un bicchiere, affinchè i nostri cari defunti potessero rifocillarsi.
Il 2 novembre, il giorno dei defunti ci si alzava presto per andare a Messa e si doveva lasciare il letto in ordine per permettere ai nostri cari defunti di usarlo ancora per una volta. E poi si faceva la visita al Cimitero.
Questo era il nostro Halloween!!!




1 commento:

  1. Olá Maria Bruna:
    gostei muito de seu blog..
    muito interessante a tradição do dia 2 de novembro.
    leva-nos a uma reflexão bonita da morte e de pensarmos no que já foi !!
    grande abraço ...
    :o)
    http://elianeapkroker.blogspot.com.br/

    RispondiElimina