votami

sito internet

lunedì 3 novembre 2014

Zuppa con cavolo nero e fagioli

Questa ricetta l'ho mangiata per la prima volta anni fa in una trattoria a Genova, in piazza Limonda, che ora non esiste più, mi ricordo che siamo andati un giorno a pranzo un poco titubanti perché il proprietario aveva la nomea di essere un poco strano. Entriamo, ci fanno accomodare e fin lì tutto bene, iniziamo con buonissimi antipasti toscani e poi a seguire la ribollita, tra l'altro buonissima. Ad un certo punto al tavolo vicino chiedono dove è il bagno, il proprietario si altera, inizia a strillare, poi sparisce e dopo poco arriva con un vaso da notte in mano, lo mette sul tavolo e dice al commensale...si serva pure! Eravamo tutti imbarazzatissimi, poi ad un certo punto io non ce l'ho  più fatta e sono scoppiata a ridere, logicamente dietro a me un coro di risate, il proprietario subito ci guarda in cagnesco..poi ....ahhahhhhh l'avete capito,,,io scherzavo!
Da allora sono passati circa 35 anni ma il ricordo è ancora vivo dentro di me.

Ingredienti
mezza verza lavata e tagliata a pezzetti
300 gr. di cavolo nero lavato, privato delle parte dure e tagliate le foglie a pezzetti
100 gr. di bietole, lavate e tagliate grossolanamente
3 patate sbucciate, lavate e tagliate a pezzetti
una scatola di pelati
350 gr. di fagioli cannellini, ammollati e lessati
un trito composto da una cipolla, una carota, una costa di sedano
100 gr. di pancetta tagliata in piccoli cubetti
olio evo
sale
pepe nero
peperoncini piccanti
pane casereccio
2 lt. di brodo vegetale o acqua calda



Soffriggere in una pentola con un poco di olio il trito di cipolla, sedano, carota,  con la pancetta, aggiungere la verza, il cavolo nero, spolverare di sale, mettere il coperchio a campana e a fuoco dolce lasciare stufare. Aggiungervi poi, le bietole, le patate, i pelati, i fagioli, uno o due peperoncini, sale, pepe nero macinato al momento, 3 fette di pane casereccio del giorno prima spezzettato, il brodo vegetale caldo, mettere il coperchio e fare cuocere a fuoco dolce per almeno due ore.














12 commenti:

  1. Adoro le zuppe ma non ho mai utilizzato il cavolo nero! Grazie per la ricetta
    A presto, Clara

    RispondiElimina
  2. L'autunno è il periodo giusto per provare queste coccolose zuppe, mi segno la tua ricetta, non ho mai mangiato il cavolo nero e devo rimediare!!!
    Baci

    RispondiElimina
  3. che buona zuppa Bruna,perfetta per questi giorni ! Un bacione e buona settimana

    RispondiElimina
  4. Ottima zuppa calda e corroborante, brava!!!

    RispondiElimina
  5. Sono nata in Toscana anche se vivo a Bergamo e questa zuppa ha il sapore dei ricordi, della cucina buona, dei piatti della tradizione.... mi piace !

    RispondiElimina
  6. Che buone le zuppe! Nel periodo freddo sono azzeccate!
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  7. Adoro le zuppe, specialmente in questo periodo d'autunno, ti riscaldano e sono molto gustose! Ottima questa tua zuppa col cavolo nero e fagioli, ottimo abbinamento, bravissima! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. ahahah..che curioso aneddoto :-P
    Grazie x la zuppa, la inserisco subito nel contest :-)

    RispondiElimina
  9. Scusami, ho visto adesso la data di pubblicazione..mi dispiace ma la ricetta deve essere inedita e pubblicata nel periodo tra il 26/01/2015 ed il 26/03/2015 quindi non posso accettare la tua proposta :-( Sono sicura che in questi 3 mesi riuscirai a cucinare un'altro piatto toscano e partecipare al contest!

    RispondiElimina
  10. Buonissima questa zuppa, bella corposa. Debbo solo andare in cerca del cavolo nero, difficilmente si trova.Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mille grazie cara Barbara, sono molto felice che ti piaccia! Provala e poi mi diraiiii
      ciaoooo

      Elimina